Sei un impiantista?, Sei un impresario edile?, Sei un progettista?, Sei un rivenditore?

4 sistemi di chiusura che non dovresti più usare per chiudere gli impianti. Ecco i limiti e i motivi per cui li sconsigliamo.

Oramai da tempo lottiamo per far passare il messaggio che le chiusure per impianti presenti sul mercato sono per lo più obsolete in quanto in prima persona ci siamo trovati dall’altra parte, sul campo, in cantiere e abbiamo avuto a che fare con le classiche botole d’ispezione o con altri sistemi similari arrangiati per l’occasione. 

Ti ho già spiegato: 

Perché non scegliere lamiere e griglie per chiudere gli impianti. 

Sconsigliamo le classiche lamiere o griglie metalliche e le sconsigliamo in quanto sono un sistema completamente anti-estetico, lasciano parecchio a desiderare nonostante i tentativi di nasconderle. 

Perché non scegliere le botole in cartongesso. 

Sconsigliamo le classiche botole in cartongesso in quanto anche queste sono oramai sul mercato da oltre vent’anni, eppure non si sono evolute molto ma pretendono ancora di chiudere gli impianti portandosi dietro numerosi problemi, prima perché sono limitate dimensionalmente, poi perché in fase risultano difficoltose e lunghe da installare, perché rischiano di deformarsi o smettere di funzionare adeguatamente, e infine perché esteticamente quasi mai si ottiene un lavoro impeccabile a casa di difetti tecnici che causano a loro volta difetti estetici come crepe e deformazioni varie. 

Perché non scegliere chiusure per impianti improvvisate in MDF. 

Sconsigliamo le chiusure in MDF semplicemente perché questo materiale va benissimo per moltissimi utilizzi nel mondo dell’arredamento, ma non va bene per chiudere impianti. Rischia di deformarsi, ha un peso notevole, i bordi diventano dei veri punti deboli, non resiste in presenza di acqua o umidità. Insomma, quando viene utilizzato per la chiusura degli impianti si creano inevitabilmente situazioni che possono anche diventare pericolose. 

Perché non scegliere gli sportelli posati in orizzontale. 

Oggi ti parlo anche di un altro tipo di chiusure che sarebbe meglio non scegliere: parlo di quelle che vengono vendute per la chiusura degli impianti come delle botole ma che altro non sono che sportelli nati in verticale, con il primo scopo di chiudere e nascondere delle nicchie e che sono stati semplicemente girati di 90° e proposti per essere installati a soffitto come chiusura di impianti tecnologici

Ecco ora altri 3 motivi fondamentali per NON SCEGLIERE questo tipo di chiusura

_____________________ 

a. in realtà sono sportelli pensati per le chiusure a parete 

Il motivo principale per non usarli è che in sostanza derivano dal mondo dell’arredamento e sono stati poi adattati per chiudere anche gli impianti. Capirai anche tu che gli impianti richiedono chiusure progettate appositamente e non prese da altrove e semplicemente girate o leggermente modificate per l’occasione. Questi sportelli che ti vengono proposti come fossero botole sono stati pensati per chiudere nicchie o spazi residui a parete. 

_____________________ 

b. l’anta non è estraibile in un solo gesto 

Essendo stati pensati a parete e non appositamente per la chiusura degli impianti, sono dotati di cerniere non estraibili con un solo movimento dell’anta, tipo quelle usate per le ante di una cucina. 

E anche se vengono proposte cerniere a sgancio rapido, sono comunque inadeguate per una botola da installare su un controsoffitto in cartongesso che deve chiudere un impianto e deve poter essere rimossa senza troppe operazioni e difficoltà. 

_____________________ 

c. soluzioni d’arredo semplicemente adattate

Stai proponendo al tuo cliente o stai scegliendo per il tuo progetto, una soluzione improvvisata, con dei sostanziali limiti. Non sarà facile da utilizzare per lo scopo per cui è stata proposta e non sarà performante nel tempo. Chiudere gli impianti è una cosa complessa, non basta prendere un’anta e chiudere un buco nel soffitto. Bisogna utilizzare un sistema progettato appositamente per chiudere impianti, per farlo in maniera facile ma anche sicura (in ogni fase, dalla posa fino all’utilizzo nel corso della vita dell’impianto). 

_____________________ 

d. difficoltà notevoli di posa

Il telaio è molto ingombrante (per quanto possa venire ristretto è pur sempre il telaio di uno sportello). Il telaio è anche inadeguato per la posa a soffitto (proprio perché pensato in prima battuta per essere installato a parete). Richiede, infatti, una serie di operazioni che eseguite a soffitto complicano tutto il processo allungandolo.

Ora che ti ho spiegato questi motivi fondamentali, e che abbiamo in sostanza escluso tutte le proposte presenti sul mercato, ti starai chiedendo: allora cosa dovrei scegliere per chiudere gli impianti

Ho una buona notizia per te; esiste una botola d’ispezione in grado di

  • permetterti di chiudere i grandi impianti (anche enormi! anche in presenza di acqua) 
  • permetterti di risparmiare tempo prezioso in cantiere (posa in metà del tempo e anta che non va stuccata!) 
  • garantire una manovrabilità dell’anta strabiliante (anche se enorme resta leggera) 
  • garantire l’estrazione dell’anta con un solo gesto (prima durante la posa e in futuro anche a chi dovrà lavorare sull’impianto) 
  • garantire la totale sicurezza nel corso del tempo grazie a sistemi di chiusura appositamente progettate e non presi in prestito dal mondo dell’arredamento 
  • garantire la totale soddisfazione dei tuoi clienti (che non avranno niente da ridire, mai! Li rivedrai direttamente alla prossima ristrutturazione!) 

Ti sembrano questi dei buoni motivi per abbandonare i vecchi sistemi per chiudere gli impianti e scoprirne finalmente uno che ti permetterà di non dover più affrontare i soliti problemi con le botole?

Se la risposta è sì, devi proprio scoprire la GIGAbotola. 

Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,